Tra i malati poveri dell’Ospedale Holy Family di Namwera in Malawi

Il dopo-scuola per i bambini di Pucallpa in Perù
26 Aprile 2023
Un instancabile impegno per promuovere le donne in Kenya
8 Maggio 2023

Continuiamo il nostro simbolico viaggio nei luoghi in cui siamo presenti per farvi conoscere il nostro operare e le realtà nelle quali cerchiamo di incarnare il Vangelo della carità.

Oggi andiamo in Malawi dove siamo presenti dal 2013 e dove attualmente abbiamo due Comunità: quella di Phalombe e quella più recente di Namwera. In collaborazione con tante donne e uomini di buona volontà finora siamo riuscite ad sollevare da sofferenze ed enorme miseria bambini, donne, anziani, per lo più poveri e spesso in fuga da Paesi vicini come rifugiati. A Phalombe lavoriamo nell’Ospedale Holy family e ogni giorno moltissime persone vengono anche da lontano e spesso a piedi, per essere curate. L’Ospedale è dotato di diversi reparti e buone attrezzature ecco perché molti malati provengono anche dal Mozambico. La maggio parte di loro sono a tal punto poveri da non poter permettersi di acquistare cibo mentre sono ricoverati e non di rado vediamo pazienti che muoiono per malattia e perché sfiniti dalla malnutrizione pregressa. Queste situazioni sono particolarmente frequenti nel reparto pediatrico dove sono ricoverati bambini che soffrono di malnutrizione, malaria e altre patologie legate all’indebolimento dell’organismo. Nel reparto maternità ci sono tante ragazze che, poco più che adolescenti, aspettano un bambino ma a volte non hanno forze sufficienti né per portare avanti la gravidanza nè per partorire. L’Ospedale dispone di vari reparti (medicina, pediatria, radiologia ed ortopedia) ed è dotato di una sala operatoria grande e ben attrezzata, conta più di cento dipendenti ed è un punto di riferimento per gran parte della popolazione con tanti problemi di salute, problemi legati fondamentalmente alla povertà, alla mancanza d’igiene e alla scarsa e cattiva nutrizione.

Noi non riusciamo a far sufficientemente fronte alle tante e diverse necessità della maggior parte della popolazione, bambini, donne ed anziani, che quotidianamente troviamo alla porta dell’Ospedale e che crediamo ci vengano affidati dal Signore perché ce ne prendiamo cura. Perciò, come fraternità, abbiamo cominciato a lavorare un orto per sostentarci e condividere i prodotti della terra con i poveri che vengono a bussare alla nostra porta. In seguito abbiamo pensato di assumere alcuni contadini, poveri anch’essi, perchè ci aiutino a coltivare l’orto, guadagnino un salario e l’orto venga sfruttato a pieno regime per sfamare più persone con i frutti della terra.

Noi questo affidamento che ci chiede il Signore lo estendiamo anche a voi, perché ve ne sentiate partecipi nel modo che vi sarà possibile. Vi ringraziamo fin d’ora per ciò che potrete fare, certe che il Signore vi darà una grande ricompensa!

Suor Weini

Se volete aiutarci, di seguito vi indichiamo il nostro IBAN intestato a

CASA GENERALIZIA SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO

Banca Intesa San Paolo

IT62K 0306 9096 06100000 138267

Palombe, 3 maggio 2023

Language »