In festa per la Professione perpetua di Suor Nancy e Suor Margaret

La pastorale dei malati di AIDS
25 Agosto 2022

Sono d’accordo con il detto che “fin dal mattino si vede un giorno luminoso” come quello per il quale “anche un viaggio di mille miglia inizia con un solo passo”. Il 6 agosto 2022 è stato un giorno importante per la nostra famiglia di Suore Cappuccine di Madre Rubatto per la grazia di due nuove figlie che si sono impegnate con Dio per tutta la vita.
Il nostro cammino vocazionale è iniziato alcuni anni fa, quando ci siamo unite alle Cappuccine col forte desiderio di appartenere alla loro famiglia religiosa per condividerne in pienezza nella Chiesa la missione e il carisma.
Il mattino del 6 agosto tutte le Sorelle si sono svegliate piene di allegria, hanno terminato gli ultimi preparativi e si sono disposte alla celebrazione di suor Nancy Ombaye e suor Margaret Mwai, resa davvero splendida da bellissime decorazioni, fiori colorati, dolci profumi, melodie seducenti e volti pieni di gioia.
Il luogo della celebrazione ha raccolto molti ospiti e fedeli provenienti dai dintorni ma anche da lontano, che sono rimasti composti e silenziosi nell’attesa che la liturgia cominciasse.
Alle 9:30 il coro “Madre Rubatto” ha iniziato a cantare dolci melodie e finalmente alle 10:00 in punto è iniziata l’Eucaristia con la processione d’ingresso. La celebrazione è stata presieduta da mons. George Muthaka, cappuccino e Vescovo della Diocesi cattolica di Garissa, accompagnato da sette sacerdoti e due diaconi.
A Messa iniziata la nostra giovane maestra, Suor Rigbe Teklehaimanot, ci ha chiamato per nome e ci ha chiesto di confermare la nostra disponibilità ad emettere i Voti: è stato così bello camminare verso l’altare dell’Altissimo tenute per mano dai nostri genitori, a simboleggiare l’offerta che anch’essi stavano facendo a Dio!
Mons. George ha iniziato l’omelia congratulandosi con noi e con tutta la famiglia cappuccina per la canonizzazione della nostra Fondatrice e ricordando che la nostra vocazione è un mistero insondabile, perciò l’unica cosa che dobbiamo fare è viverlo nel nostro apostolato, con i fratelli e sorelle che incontriamo sul nostro cammino. Facendo poi riferimento alla festa della Trasfigurazione del Signore, ci ha esortato a lasciarci trasfigurare da Lui nella lettura delle Scritture, l’intimità della preghiera, i Sacramenti e dando valore alla nostra vita comunitaria, che è la nostra priorità in quanto Cappuccine.
Finita l’omelia è iniziato il rito di professione e nelle mani di Suor Alem Asfha, Vicaria generale, con Suor Leul Teklay, Superiora regionale, e Suor Rigbe Teklehaimanot, Consigliera regionale, che fungevano da testimoni, abbiamo pronunciato il nostro ”sì” definitivo al Signore.
Nel profondo del cuore eravamo piene di gioia e nessuna parola avrebbe potuto descriverla! Con canti e danze di giubilo tutti i presenti sono venuti a congratularsi con noi per questo passo, ma soprattutto per il nostro desiderio di offrire come sacrificio noi stesse per servire il Signore.
Anche dopo la celebrazione congratulazioni, preghiere e parole di incoraggiamento hanno riempito la giornata, tanto da sentirci speciali e amate oltre ogni dire.
Siamo molto grate a tutti coloro che ci hanno tenuto per mano durante il nostro cammino vocazionale e ci hanno aiutato a realizzare i nostri desideri più profondi. Da parte nostra desideriamo solo essere apostole della nostra Congregazione e con zelo ed entusiasmo servire la Chiesa con il carisma della nostra amata Fondatrice.
A tutti coloro che hanno riempito questo giorno d’amore, possa il Signore stesso essere la loro ricompensa!

Suor Nancy Ombaye e Suor Margaret Mwai

Nairobi, 6 agosto 2022

Language »