Centro Missioni

 
 

Molo - Kenya

PROGETTO SOCIO-ECONOMICO

Laudato si', mi' Signore, per sora nostra madre Terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti fiori et herba.

Obiettivo generale: aiutare le comunità rurali a progettare, lavorare e coordinarsi per soddisfare le necessità primarie della vita
Obiettivo specifico: formare al lavoro agricolo e zootecnico per creare possibilità di sussitenza e di futuro per i giovani e le donne
Beneficiari: i giovani e le donne di Molo.
Il Kenya è uno dei cinque paesi africani in cui noi Cappuccine siamo presenti dal 1997. Vi convivono gruppi di etnia e dialetti diversi e, pur essendo naturalmente ricco di risorse, la distribuzione del benessere non è equa; di conseguenza ci sono pochi ricchi, solo alcuni che vivono una vita mediamente dignitosa, e una maggioranza che vive in condizioni di profonda miseria, ai limiti della sussistenza.
Ora c’è da dire che il diffuso problema della fame persiste non tanto a causa della mancanza di prodotti alimentari, quanto perchè coloro che ne hanno maggiormente bisogno sono privi dei mezzi per produrli o comprarli. Provvedere al bisogno primario di alimentarsi, che per noi occidentali si da quasi per scontato, in realtà ha una enorme ricaduta nel contrasto ad esempio della mortalità infantile, nel dare possibilità di accedere all’istruzione e alle cure sanitarie...ragioni che rappresentano un imperativo di ordine etico e morale, ma che di fatto dipendono dall'avere disponibilità economica.
Alla luce della realtà di povertà rurale e limitazione di un futuro dignitoso in cui ogni giorno siamo immerse, abbiamo pensato di proporre un modello agricolo sostenibile e riproducibile nei villaggi rurali della provincia di Nakuru. E così, nel 2011, abbiamo acquistato 10 acri di terreno a Molo con il preciso obiettivo di aiutare la popolazione povera di lì coinvolgendola in un progetto agricolo, ad essa molto congeniale. In Kenya, specialmente nella zona di Rift Valley, l’agricoltura è una scelta non solo finalizzata all'economia, ma soprattutto culturale.
Il terreno destinato al progetto, con l'opera generosissima dei volontari dell'Associazione "Il tucul" di Vallarsa, è stato dunque recintato e vi abbiamo costruito una casetta, un magazzino e scavato un pozzo per l’acqua.
Il progetto prevede di dare alle donne (che sono il cardine della microeconomia africana) e ai giovani (spesso allontanatisi da casa per sottrarsi a conflitti politico-tribali) una formazione agricola e zootecnica finalizzata all’autonomia alimentare dei nuclei familiari svantaggiati. In tal modo si potenziano le opportunità di inserimento sociale di giovani vulnerabili, d’ambo i sessi, in piccole cooperative agricole e zootecniche.
Il terreno di Molo attualmente, per più della metà, è destinato all’agricoltura (frutta e verdura) e per il resto all’allevamento di animali da cortile (galline e conigli), di ovini (pecore e capre) e mucche. Finora sia l'agricoltura che l’allevamento si sono avvalsi dell’uso tradizionale di tecnologie semplici che però non permettono, nonostante gli sforzi, risultati soddisfacenti. Al fine di promuovere un approccio più meccanizzato e innovativo per lo sviluppo di questa cooperativa siamo a presentare la richiesta di finanziare l’acquisto di un trattore, il cui preventivo trovate più sotto.
Sostenere questo progetto significa portare i molti beneficiari ad essere protagonisti e artefici della propria promozione, primi responsabili della realizzazione del progetto di sviluppo sociale: produrre beni, potersene sostentare ma anche venderli e guadagnare ciò che serve per l’istruzione dei bambini, la cura dei malati, la possibilità di vedere un futuro aperto davanti a sé e alle loro famiglie. Noi siamo convinte che questo sogno non possa che coinvolgere anche voi, e quanto crederete utile donare sarà un piccolo o grande tassello per la crescita di questo progetto. Per questo vi ringraziamo fin da ora e chiediamo al Signore, per ognuno di voi, la sua benedizione, che sia su di voi e su quanti amate ogni giorno.

Le Sorelle Cappuccine di Madre Rubatto (Kenya)
La responsabile del progetto è suor Peris Mathenghe
“Francesca Rubatto House”
Galana Road B.O.X. 25337 – 00603 NAIROBI (KE)

Per le donazioni di seguito ci sono i dati bancari:
Intestatario CAPUCHIN SISTERS OF MOTHER RUBATTO
N. Conto 0380 1487 6812 10
Swift IMBLKENA
Banca I&M BANK LTD
Filiale ELDAMA PARK Cod. Banca 57038

Aiuta promuovendo

Language »